Le memorie di Barry Lyndon

Narra le vicende di un giovane irlandese di modeste condizioni, dapprima  ragazzo semplice con grandi slanci di umana passione fino a diventare cinico e, a tratti crudele, a fronte di un riscatto sociale. Barry è tante cose : truffatore, militare, uomo di mondo che passa dalle corti sfarzose alle galere fino ai campi di battaglia. Tutto il fascino del Settecento perverso e sfavillante contesto storico per l'uomo antieroe per antonomasia che ben si è prestato anche al cinema di Kubrick. Pietra miliare del romanzo narrato in prima persona, opera affascinante e moderna, ancora oggi viva per l'indagine introspettiva della natura umana.
L'opera di William Makepeace Thackeray pubblicata in una prima versione col titolo di "Barry Lyndon" nel 1844 e poi in edizione definitiva solo nel 1856.
« Non ci sono mai folle ad ascoltare un somaro che raglia da un pulpito, né mai viene acquistata la decima edizione del libro di uno stupido? Talvolta accade il contrario, così che lo stupido e il saggio, l'uomo buono e quello cattivo, sono a turno più o meno fortunati, e l'onestà è il "miglior modo di comportarsi", o tutto il contrario, a seconda dei casi. ». (W.M.Thackeray)

Nessun commento:

Posta un commento