Il Cigno Nero (2011) di Darren Aronofsky - Recensione e trailer

il-cigno-nero-recensione-trailer
Il Cigno Nero
(Black Swan)
GENERE: Drammatico, Thriller
ANNO: 2010   DATA: 18/02/2011
NAZIONALITÀ: USA
REGIA: Darren Aronofsky
CAST: Natalie Portman, Vincent Cassel, Mila Kunis, Winona Ryder, Barbara Hershey, Kristina Anapau
VOTO: 8



 
"L'unico vero ostacolo al tuo successo sei tu: liberati da te stessa. Perditi, Nina." 




Trama
Nina è una ballerina di New York che mira alla perfezione. Mai diventata adulta grazie a una mamma frustrata e soffocante si troverà di fronte a una grande prova che le trasformerà la vita. Il coreografo Thomas Leroy, infatti, le assegna la parte della protagonista nella sua versione rinnovata del "Lago dei cigni". Per lei la parte di Odette, fanciulla trasformata in cigno dall'incantesimo del malvagio Rothbart da cui potrà scioglierla solo un giuramento d'amore. Odette e il principe Siegfried si innamorano perdutamente l'uno dell'altra e il ragazzo ne chiede la mano. Al castello però, grazie ad un trucco di Rothbart, non si presenta Odette, ma Odile, sua gemella, che seduce il principe e lo sposa. Odette, distrutta dal dolore, torna al lago, dove intende togliersi la vita. Nina è perfetta per interpretare il cigno bianco della versione classica ma ha molta difficoltà a interpretare il suo doppio nero e passionale che nella variazione del coreografo ingannerà il principe e la spingerà al suicidio. Inizia, così, la ricerca del suo lato oscuro attraverso la ribellione alla madre, una consapevolezza sessuale, passioni e gelosie che la porteranno a mutamenti inquietanti.




Recensione
Una vera cavalcata tutta d'un fiato, senza esitazioni nè sbavature. Lo spettacolo di danza classica del "Lago dei cigni" s'intreccia tutt'uno con le paure, le insicurezze, la passione sopita e le gelosie materne di Nina. L'artifizio creato dal regista, la nuova versione del coreografo Vincent Cassell nel creare un doppio oscuto e inquietante del cigno bianco funziona e l'impatto visivo di le che si trasforma nel cigno nero è di grande suggestione. Natalie Portman dà prova di grande versatilità, la stessa che si richiede a Nina nel passare dall'interpetazione del cigno bianco a quella del cigno nero. Darren Aronofsky, dopo due anni da "The Wrestler" che lo ha fatto trionfare a Venezia, sceglie di sostituire il ring con le tavole di un palcoscenico dove la giovane Nina debutterà con il ruolo della sua vita ma, anche, nella vita stessa. Meno sociale e più psicologico del precendente film del regista "Il cigno nero" alterna momenti di grande goduria estetiva e visiva a momenti di tensione, quasi horror, nella seconda parte della pellicola. Diretto e interpretato magistralmente dai protagonisti (Oscar a Natalie Portman) riscatta la danza classica dall'aura di noia e freddezza che porta con sè per il grande pubblico.


3 commenti:

  1. Sicuramente uno dei migliori film di quest'anno..

    RispondiElimina
  2. Non posso che quotare i due commenti precedenti. Un film splendido!!

    RispondiElimina