Sanremo 2012 e I soliti idioti soft: "Niente preti e parolacce"


Nella seconda serata di Sanremo 2012 è stata la volta de "I soliti idioti", i comici del momento campioni d'incasso al botteghino e politicamente scorretti. Davanti al pubblico imbalsamato del teatro Ariston che assisteva alle loro performance con facce da punti interrogativi hanno dato via a una versione edulcorata delle loro gag più famose. Tra gay, negri, parolacce ridotte al minimo, sono stati molto attenti a non toccare temi religiosi (niente travestimenti da preti e gag su Gesù Cristo e Papa che fanno parte del loro repertorio). Di seguito le indiscrezioni del Corriere della Sera sulla censura preventiva del loro intervento ed i video della loro apparizione.



Mazzi e Mazza, i commissariati dal dg Lorenza Lei, sono corsi ai ripari, dopo aver tremato con Celentano e le sue invettive contro i giornali cattolici, e temendo il peggio con l'arrivo de "I soliti idioti" hanno cercato di tutelarsi in qualche modo. Secondo le indiscrezioni del Corriere della Sera ieri pomeriggio il direttore artistico Mazzi e il manager Lucio Presta hanno presto da parte Fabrizio Biggio dietro le quinte dettando la linea: "Niente parolacce, nè preti". Ed infatti nessun prete sul palco e giusto un "dai cazzo" per gradire.


L'anteprima con "Dica"




"E' normale"




"Omosessuali"



3 commenti:

  1. Non avranno offeso la Chiesa, ma hanno offeso gli stranieri e gli omosessuali, che in Italia non sanno difendersi, a differenza della Chiesa che sa come creare un polverone di indignazione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono daccordissimo con te...l'ho sempre pensata così anche prima della loro apparizione a Sanremo ...Con me su queste cose sfondi una porta aperta. Sanremo raggiunge una vasta platea piccolo-medio borghese che già ha difficoltà ad accettare le differenze, rendere le differenze caricaturali è rassicurante per la massa di telespettatori ma è assolutamente deleterio per la conoscenza ....Ho pensato a un ragazzo gay, che non trova la forza di fare coming con i suoi genitori, che guarda Sanremo in famiglia e si vergogna per quella rappresentazione. Con me sfondi una porta aperta e , anzi, grazie per il commento intelligente....

      Elimina
  2. La loro comicità non mi fa ridere!

    RispondiElimina