Berlinale 2014 - "Free Range" e il critico in crisi che stronca The Tree of Life (foto e trailer)

free-range-trailer-foto

Alla Berlinale 2014 nella sezione Forum una pellicola molto interessante dall'Estonia: "Free Range". Uno scrittore in crisi che viene licenziato per una sua stroncatura a "The tree of life" di Terrence Malick (molti al posto suo avrebbero voluto urlare "una ca... pazzesca" come Fantozzi per la Corazzata Potemkin)...


Dall'Estonia, nella sezione Forum della Berlinale 2014, un curioso e interessante film con uno scrittore in crisi che per sbarcare il lunario lavora come critico cinematografico in una rivista diretta dal padre della fidanzata fino a che....stronca in una sua recensione il film del maestro Terrence Malick "The tree of life" e viene licenziato. Il terzo lungometraggio di Veiko Õunpuu è stato girato in 16 mm, con la sua colonna sonora avvincente registrato da vinile , ed è pieno di lo stesso desiderio enorme di libertà e indipendenza nel qui e ora come il piercing , gli occhi azzurri del suo eroe . Nel cast: Lauri Lagle, Jaanika Arum, Laura Peterson, Peeter Volkonski, Roman Baskin.


Fred non approva questo mondo . Perché dovrebbe vivere qui , spinto dalla stessa forza inesorabile che costringe un filo d'erba attraverso il calcestruzzo ? Perde il suo lavoro presso un giornale perché la sua opinione su Albero di Terrence Malick of Life è costellata di imprecazioni monosillabiche . Dal momento che il redattore capo è abbastanza furioso , deve lasciare l'ufficio prima che egli è in grado di recuperare il suo primo romanzo dalla fotocopiatrice . Tornata a casa , la sua fidanzata Susanna rivela di essere incinta . La sua paura di nuove responsabilità lo spinge in una profonda crisi , e un'offerta dubbia dall'editor aiuta Fred rendersi conto che lavorare come scrittore significherebbe vendere la sua anima. Decide così di provare il lavoro manuale . Come pilota carrello elevatore , ha slalom suo camion avanti e indietro , arte contenitori impilabili in torri che crescono alto come una casa, per tutto il tempo riempito con crescente disperazione per la mancanza di significato anche dei piccoli gesti in questo nuovo mondo.



1 commento:

  1. lo spunto è divertentissimo, temo non lo sia altrettanto il film :-D

    RispondiElimina